Shopping Cart

ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Dal 23 luglio è attiva Conciliaweb, nuova piattaforma informatica che consente la risoluzione di controversie tra consumatori e operatori di comunicazione elettronica. Il procedimento è disciplinato dal un apposito Regolamento AgCom (DEL. 203/18/CONS). Il presupposto fondamentale per l’attivazione della procedura è il mancato rispetto delle disposizioni relative al servizio universale ed ai diritti degli utenti finali stabiliti dalle norme legislative, dalle delibere dell’Autorità, dalle condizioni contrattuali e dalle carte dei servizi.

Conciliaweb, la procedura

L’utente che ritenga di essere stato danneggiato dalla condotta tenuta dal professionista, ha ora a disposizione uno strumento gratuito, veloce e facilmente accessibile per risolvere i propri problemi. Per mettere in moto il procedimento è necessario registrarsi a Conciliaweb. Una volta completata la fase di registrazione, l’utente potrà accedere alla propria pagina personale e monitorare lo storico dei propri procedimenti e lo stato di quelli in corso. Inoltre, è possibile interagire con il Corecom (cui l’istanza viene presentata) e le altre parti in causa, nonché accedere al fascicolo virtuale e partecipare alle virtual room.

Entro venti giorni dalla presentazione del ricorso, le parti possono accordarsi direttamente tramite negoziazione. In caso di esito negativo, il Corecom avvia entro sette giorni la procedura di conciliazione, previa valutazione di ammissibilità dell’esposto. Per alcune materie (addebiti per traffico in roaming europeo ed internazionale, addebiti per servizi a sovrapprezzo, attivazione di servizi non richiesti, restituzione del credito residuo, restituzione del deposito cauzionale, errato o omesso inserimento dei dati negli elenchi pubblici, spese relative al recesso o al trasferimento dell’utenza ad altro operatore, omessa o ritardata cessazione del servizio a seguito di disdetta o recesso), la controversia viene risolta tramite una percorso semplificato, che contempla unicamente uno scambio di comunicazioni tra le parti.

In tutti gli altri casi, invece, la conciliazione si svolge in videoconferenza, accedendo a una stanza virtuale riservata, cliccando sul link indicato nel fascicolo elettronicoo tramite comunicazione a distanza. Se la conciliazione ha esito positivo, il conciliatore redige un verbale –  titolo esecutivo a tutti gli effetti –  in cui si prende atto dell’accordo che conclude la controversia. Diversamente, se in udienza non si raggiunge l’accordo su tutti o su alcuni dei punti controversi, il conciliatore, sempre tramite verbale, attesta l’esito negativo della conciliazione.

Conciliaweb, il verbale costituisce titolo esecutivo

Tale strumento si inserisce nel quadro degli interventi previsti dalla Direttiva 2013/11/UE in tema di risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori. Si caratterizza, in particolare, per il fatto che il verbale di conciliazione costituisce titolo esecutivo. Ciò consente all’utente di agire esecutivamente contro il professionista nel caso in cui questi si rifiuti ad adempiere a quanto previsto nel verbale.

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner