Shopping Cart

Allarme bomba al Tribunale di Napoli Nord, panico generale e udienze sospese

(Dal nostro corrispondente a Napoli)

Allarme bomba al Tribunale di Napoli Nord: panico generale e udienze sospese. Immaginate una minuta aula di udienza colma di avvocati e testimoni, che impazienti e stizziti attendono il proprio turno. Aggiungeteci magari un magistrato che, tra il caos e la spossatezza dei primi giorni di “piena” dopo la pausa estiva, solca nella propria mente un briciolo di concentrazione nell’oblio del trambusto generale. E poi il caldo, manco fossero i primi giorni di agosto: rovente e sconfinato, dove chiunque dissiperebbe il proprio patrimonio, per un alito di vento fresco. Finalmente si respira. E poi arriva la voce fuori campo che tutto annulla, il “gobbo” fuori onda, con il copione che nessuno mai avrebbe pensato di recitare: “Uscite tutti fuori, c’è una bomba in Tribunale!”. Il panico è totale: gente che si dà alla fuga a destra e a manca, solcando come segugi gli angoli più nascosti di un corridoio infinitamente lungo e caleidoscopico. Un vero girone infernale.

Il Tribunale di Napoli Nord dopo l'evacuazione
Il Tribunale di Napoli Nord dopo l’evacuazione

E’ accaduto questa mattina al Tribunale di Napoli Nord di Aversa: una chiamata anonima ha avvisato della presenza di una bomba all’ interno del Castello Aragonese che è stato subito evacuato. Appena si è diffusa la notizia, grazie anche alle forze dell’ordine che operano all’interno dell’ufficio, magistrati, avvocati, cancellieri e civili, si sono immediatamente riversati nella piazza antistante. Tanta la paura dei presenti, che hanno lasciato le aule velocemente. La struttura, poi, una volta vuota, è stata ispezionata dal nucleo artificieri della Polizia di stato. Fortunatamente dopo circa tre ore di attesa l’allarme è rientrato, generando una serie di polemiche sulla gestione delle emergenze. Morale della favola, udienze rinviate d’ufficio ed una strana mattina di fine estate.

Mariano Fergola

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner