Shopping Cart

Antitrust multa compagnie aeree: STOP alle commissioni sui pagamenti online

Consumatori che effettuano acquisti online: ora l’Antitrust impone maggiori garanzie sulla trasparenza dei prezzi finali,  a prescindere dal mezzo di pagamento utilizzato.

Due importanti pronunce dell’Autorità Antitrust italiana adottate in data 28 settembre 2016 e pubblicate in data 14 ottobre 2016 segnano la prima concreta ed effettiva applicazione della norma contenuta all’art. 62 del codice del consumo che, a decorrere dal 13 giugno 2014, in attuazione della direttiva comunitaria 2011/83, sancisce il divieto assoluto di imporre spese ai consumatori italiani per l’utilizzo di un determinato mezzo di pagamento.

Le decisioni dell’Autorità Antitrust hanno avuto origine dalla prassi diffusa per molte aziende che vendono prodotti online di imporre dei costi aggiuntivi nel caso in cui l’acquirente decida di concludere l’acquisto con un determinato mezzo di pagamento.

Da oggi i venditori online, per evitare di incorrere in multe salate, dovranno prestare maggiore attenzione a tutela del consumatore, dovendo applicare il medesimo prezzo finale a prescindere dal mezzo di pagamento utilizzato, senza imporre alcuna commissione o costo extra sia che il pagamento avvenga con carta di credito, bonifico o acquisto in contrassegno.

Antitrust, multe salate per Norwegian Air e Blue Air

Le decisioni dell’Antitrust vanno a sanzionare due compagnie aeree low cost, la Norwegian Air e la Blue Air, con multe salate rispettivamente pari a 250.000 e 300.000 euro.

Le condotte sanzionate consistevano nel pubblicizzare determinati prezzi di acquisto dei biglietti aerei che, al termine del processo di acquisto online, subivano delle maggiorazioni per l’applicazione di commissioni conseguenti alla scelta del metodo di pagamento con carta di credito o con bonifico. Condotte che si dichiarano costituire violazione dell’art. 62 del codice del consumo.

Le decisioni, nei due specifici casi, concernono condotte poste in essere da compagnie aeree, ma nulla esclude che l’Autorità possa applicare analoghe sanzioni anche ad imprenditori operanti in diversi settori, e a prescindere dalla specifica modalità di pagamento a cui sia ricollegata la commissione extra.

Martina Scarabotta

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner