Shopping Cart

Caso Alvarez, dall’Inghilterra sicuri: l’Inter riceverà i soldi dal Sunderland

Caso Alvarez, dall’Inghilterra sicuri: l’Inter riceverà i soldi dal Sunderland

L’Inter potrebbe ricevere dal Sunderland 10,5 milioni di euro per l’argentino Ricky Alvarez. Infatti, dai tabloid inglesi filtrano parecchie indiscrezioni che vedrebbero una sentenza positiva per il club nerazzurro. Il Daily Mail, oggi,  ha confermato che la decisione da parte del Tas di Losanna sarà a favore della società milanese. Ma facciamo un passo indietro.

Caso Alvarez, un passo indietro

La vicenda risale allo scorso anno, quando il club inglese si rifiutò di pagare la clausola da otto milioni di sterline (appunto 10,5 milioni di euro) prevista in caso di salvezza dei Black Cats, evento che in quella stagione andò effettivamente in scena. Il club inglese, peraltro, accusò l’Inter di aver girato in prestito un giocatore “malconcio”,  che necessitava di un intervento al ginocchio. Da Corso Vittorio Emanuele, comunque,  hanno sempre negato con fermezza. Nonostante il Sunderland si sia salvato, quindi, non ha voluto corrispondere all’Inter i soldi pattuiti per il riscatto e si è aperto un grande contenzioso. Alvarez da luglio 2015 fino a gennaio 2016 è rimasto senza squadra e si è allenato con il Velez Sarfsfield.

Caso Alvarez, la palla passa alla Fifa…

La vicenda, poi, è finita sotto la lente di ingrandimento della Fifa, che aveva dato ragione ai nerazzurri; entrambe le società, però, hanno accettato di presentare ulteriore ricorso al tribunale svizzero.

…e poi al Tas di Losanna

Secondo i rumors d’Oltremanica,  il Tas sarebbe orientato a confermare la sentenza della Fifa che diverrebbe, quindi, esecutiva.

La sentenza dovrebbe essere emessa nei prossimi giorni: per l’Inter una entrata forse inaspettata e, certamente, abbastanza positiva.

Marco Capone

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner