Shopping Cart

Concorso 800 Assistenti giudiziari, in corso le prove ma non mancano gli intoppi

Concorso 800 Assistenti giudiziari, in corso le prove preselettive

Si stanno svolgendo in questi giorni le prove preselettive del concorso indetto dal Ministro Orlando lo scorso 18 novembre 2016. Il concorso, atteso per oltre 20 anni, mette a disposizione l’assunzione a tempo indeterminato, area funzionale II, fascia economica F2, di 800 figure di assistente giudiziario.
I posti a disposizione sono poi saliti a 1400, in seguito alla Legge di Bilancio 2017. Il concorso selezionerà in prima battuta 800 vincitori. Dalla graduatoria degli idonei saranno poi assunti altri 600 assistenti giudiziari.

L’affluenza effettiva alla Fiera di Roma, dove si stanno svolgendo le prove, è stata decisamente inferiore rispetto ai 308.385 ipotetici candidati che hanno inviato la domanda di partecipazione.

Le prove preselettive, che si concluderanno il 24 maggio, sono partite con alcuni inconvenienti e ritardi che hanno ulteriormente messo in crisi i candidati, già fortemente preoccupati, poiché per primi hanno dovuto sostenere la prova. La convocazione ripartita in ordine alfabetico, infatti, non è stata ben vista da chi reputa aver avuto decisamente meno tempo per completare lo studio della banca dati. I quiz selezionati dal Ministero, in effetti, sono stati resi pubblici solo 17 giorni prima per chi ha dovuto sostenere la prova concorsuale il primo giorno. Ciò ha sicuramente sollevato polemiche sui social network, tra i candidati, a fronte del maggior numero di giorni che gli ultimi candidati hanno a disposizione per memorizzare gli argomenti della prova.

Concorso 800 Assistenti giudiziari, la prova al computer

Nonostante tutto, l’innovativa forma telematica adottata dal Ministero è decisamente più meritocratica di quanto non siano mai stati i concorsi del passato. Infatti, ogni candidato ha un proprio codice personale, un codice d’accesso al sistema e un codice di fine procedura a cui deve attenersi per il corretto svolgimento della prova. Attraverso lo stesso codice, il candidato ha la possibilità di accedere, tramite un link dedicato, al risultato della prova svolta, quasi in tempo reale. Chiaramente l’eccessivo numero dei candidati potrebbe mettere a dura prova il sito del Ministero.

Nel comunicato del sito del Ministero si legge che  «a partire dalla data odierna, dalle ore 19 del giorno successivo a quello in cui si è tenuta la prova di esame sarà possibile per i candidati che hanno terminato la prova visualizzare il punteggio ottenuto accedendo al seguente link:

Clicca qui per leggere il comunicato

L’accesso sarà consentito tramite l’inserimento nel sistema del codice personale riportato all’interno della busta consegnata il giorno dell’esame. Coloro che hanno smarrito il codice personale potranno conoscere il risultato della propria prova solo all’esito dell’abbinamento degli elaborati con le anagrafiche dei candidati, che sarà effettuato dopo la conclusione di tutte le prove preselettive.»

Concorso 800 Assistenti giudiziari, le segnalazioni dei concorrenti

Alcuni concorrenti segnalano che non tutte le domande errate sono state eliminate e alcune sono già state somministrate ai candidati che hanno volto la prova in questi giorni, i quali sono stati costretti a lasciare la domanda in bianco o peggio a rispondere in maniera errata venendo così fortemente penalizzati.
Gli studi legali hanno già preso in carica il concorso per analizzare tutti i problemi emersi. Ad esempio, lo Studio Legale Leone-Fell & Associati ha aperto un vero e proprio sportello per ricevere le segnalazioni dei candidati.
Un altro inconveniente ha messo gli aspiranti assistenti giudiziari in seria difficoltà: la presenza di domande “incomplete”. Le prove che si svolgono al pc permettono la visualizzazione delle domande esclusivamente sul supporto informatico, ma alcuni quesiti comparivano sullo schermo con parte del testo incompleto ovvero non visibile. Un danno non da poco, se si considera che, con questo numero di partecipanti, una risposta non data o sbagliata può comportare lo slittamento di centinaia di posizioni in graduatoria.

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner