Shopping Cart

Concorso Mibact, anche quest’anno requisiti del bando da rivedere

I bandi di concorso indetti dal Mibact sono recentemente finiti sotto la lente di ingrandimento di molti studi legali, con parecchi candidati sul piede di guerra e intenzionati a presentare ricorsi. Ma ricostruiamo la vicenda con ordine, facendo un passo indietro.

Il 13 gennaio scorso il Ministero per i Beni culturali e ambientali ha emanato un avviso per il conferimento di n. 6 incarichi di collaborazione ad architetti specializzati della durata di massimo 24 mesi, ai fini della costituzione di un’apposita “segreteria tecnica di progettazione”, per le sedi del Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo.

L’art. 1 del bando ha disciplinato i requisiti di partecipazione, tra i quali figurano:

– la laurea specialistica, o laurea magistrale, o diplomi di laurea rilasciati ai sensi della legge 341 del 1990, in architettura;

– il diploma di specializzazione, o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello di durata biennale in restauro dei monumenti;

– l’abilitazione all’esercizio della professione di architetto e Iscrizione all’albo professionale da almeno 3 anni.

Ciò che ha fatto storcere il naso a parecchi candidati è la riproposizione (era infatti già avvenuto lo scorso anno, dopo ben nove anni di attesa, ndr) del requisito del master di II livello biennale.

I master di II LIVELLO di durata biennale, infati, attivati in Italia sono davvero esigui. Molto più frequenti, invece, i Master di II livello di durata annuale. Una bella fetta di persone escluse a priori, dunque, che non possono allo stato attuale presentare la propria candidatura. I ricorrenti si mobilitano, dunque, per cercare di ottenere l’ammissione alla selezione, puntando il dito contro l’illegittimità della richiesta prevista nel bando di concorso.

I master, peraltro, appaiono assolutamente equiparabili e non si comprende bene la disparità di trattamento operata dal bando. Sia il master di II livello annuale che quello biennale rientrano nel percorso di studi – definito dal ministero – di terzo ciclo.

In tale ciclo sono ricompresi ed equiparati proprio dal Ministero il dottorato di ricerca, la scuola di specializzazione ed il master di II livello a prescindere dalla durata.

Insomma, nonostante già lo scorso anno siano stati presentati innanzi ai Tar diversi ricorsi, la storia continua e si ripropone anche quest’anno.

Vedremo, quindi, se anche per tale bando verranno proposti ricorsi al fine di essere ammessi, legittimamente, alla selezione concorsuale.

Redazione

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner