Shopping Cart

Consiglio d’Europa, Ungheria viola convenzione EDU sui diritti umani

 

La nuova legge ungherese, in base alla quale tutti i migranti e i rifugiati che raggiungono il paese saranno detenuti in ‘zone di transito’ alle frontiere serba e croata, è probabilmente in contrasto con il diritto europeo dei diritti umani.

È quanto avverte il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Nils Muiznieks, dicendosi “profondamente preoccupato” per le norme approvate dal parlamento ungherese

“Privare sistematicamente della libertà tutti richiedenti asilo rappresenta un chiara violazione degli obblighi dell’Ungheria stabiliti dalla Convenzione”, ha dichiarato Muiznieks, ricordando che precedenti decisioni della Corte europea dei diritti dell’uomo hanno stabilito che la detenzione sistematica dei migranti che chiedono asilo deve essere usata solo come misura di ultima ratio.

In base al nuovo regime, i richiedenti asilo e gli altri migranti che arrivano in Ungheria, compresi i bambini, saranno costretti a vivere in container circondati da recinzioni di filo spinato. La nuova legge, approvata ieri a grande maggioranza dal Parlamento di Budapest, è stata anche condannato dall’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite Unhcr, secondo cui avrà un “impatto terribile” su persone già traumatizzati.

Da parte sua il primo ministro ungherese Viktor Orban, ha giustificato la mossa sostenendo che il Paese è “sotto l’assedio di migranti e difenderci è nostro diritto ed esigenza nazionale”.

(Ses/AdnKronos)

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner