Shopping Cart

Consulta: la corte  respinge  le dimissioni di Zanon

La Corte Costituzionale ha respinto le dimissioni presentate ieri dal giudice Nicolò Zanon, indagato dalla Procura di Roma per peculato d’uso, e ha preso atto della sua intenzione di autosospendersi dalla partecipazione ai lavori della Consulta.

“In attesa che la magistratura concluda l’indagine in corso sul giudice costituzionale Nicolò Zanon per il reato di peculato d’uso, in relazione all’utilizzazione dell’autovettura assegnatagli dalla Corte costituzionale in base al proprio regolamento – si legge in una nota della Consulta – oggi pomeriggio il giudice Zanon ha voluto informare la Corte sui fatti addebitatigli dalla Procura della Repubblica di Roma e spiegare le motivazioni che lo hanno indotto, nella serata di ieri, a presentare al Presidente della Corte le sue dimissioni dall’incarico di giudice, pur nella convinzione dell’insussistenza del reato”.

“Fermo restando il pieno rispetto e la massima fiducia per il lavoro della magistratura e auspicando una rapida conclusione dell’iter giudiziario, la Corte costituzionale – prosegue la nota – conferma pieno rispetto e massima fiducia anche nei confronti del giudice Zanon. Perciò, pur comprendendo e apprezzando la sensibilità istituzionale dimostrata dal giudice Zanon con le sue dimissioni, motivate con un forte richiamo al rispetto dell’etica pubblica e della funzione ricoperta, la Corte, allo stato della procedura, ritiene di non accoglierle. La Corte prende atto dell’intendimento del giudice Zanon di sospendere, in questa fase, la sua partecipazione ai lavori del collegio”.

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner