Shopping Cart

Contratto Statali, c’è la firma: siglata l’intesa con i sindacati

Contratto Statali, c’è la firma: siglata l’intesa con i sindacati

Dopo ore di trattativa, arriva l’intesa tra i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil e il ministro per la Semplificazione della Pubblica Amministrazione Marianna Madia. La trattativa mirava a un’intesa politica per sbloccare i contratti di 3.3 milioni di lavoratori, fermi dal 2010.

Obiettivo della trattativa era quello di trovare un’intesa sull’aumento degli stipendi dei dipendenti pubblici, sciogliendo i nodi su questioni cruciali come il budget, le categorie coinvolte e le modalità.

I dettagli e le clausole dell’accordo devono ancora essere ufficializzati ma è emerso che l’esecutivo avrebbe stanziato 850 milioni di euro per il rinnovo dei contratti nel 2017. L’annuncio della firma è stato ufficializzato su Twitter dallo stesso ministro.

Quanto all’incremento salariale, resta la proposta fissata durante un incontro precedente: questo non sarà inferiore a 85 euro mensili medi. Tuttavia, i sindacati hanno continuato a chiedere di cassare il termine “medi” in favore di “minimi”.

Contratto Statali, c’è la firma: le novità introdotte

ministro-madia
Il ministro Madia

Lo stanziamento di 850 milioni di euro per il rinnovo dei contratti degli statali costituisce la seconda voce del fondo per il pubblico, mentre la prima prevede: 850-900 milioni di euro per le forze dell’ordine (di cui 480 milioni per la proroga degli 80 euro), 100-170 per le assunzioni, 40 per la forestale e 250 per il riordino delle carriere.

Rientrano tra le modifiche alla bozza dell’accordo, gli incentivi per merito destinati ai dipendenti pubblici che producono di più e che sono più presenti. In base a quanto emerge dalla parte normativa dell’accordo, le parti si impegnano a individuare di anno in anno criteri e indicatori che misurino l’efficacia delle prestazioni delle amministrazioni e la loro produttività collettiva mettendo in campo misure contrattuali che incentivino più elevati tassi medi di presenza.

Uno dei fattori che ha contribuito a tener viva la trattativa è quello del bonus fiscale di 80 euro: per Cgil, Cisl e Uil il bonus andava mantenuto senza che lo scatto degli aumenti contrattuali ne determinasse la decaduta o decurtazione. Solo così il bonus sarebbe stato destinato a 800 mila lavoratori, di cui 250 mila nella scuola.

I sindacati avevano tentato di invitare l’esecutivo a guardar bene la soluzione trovata nel rinnovo del contratto dei metalmeccanici, vale a dire affrontare la questione con il welfare contrattuale che avrebbe rilevato solo in caso di scostamento.

Una volta raggiunta l’intesa, i segretari delle organizzazioni sindacali in questione hanno espresso compiacimento e soddisfazione per essere riusciti a realizzare un progetto che sembrava ancora troppo lontano.

Eloisa Zerilli

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner