Shopping Cart

Corruzione, la condanna a carico di un operatore della Rai

Oltre 40.000 euro sequestrati in virtù di un’ordinanza pronunciata dal Tribunale di Roma a carico di un dipendente della Rai, resosi responsabile del reato di corruzione per aver anticipato le scelte aziendali rendendole note all’esterno.

Il delitto configurabile a carico dell’operatore Rai è il reato di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio: il dipendente, in qualità di direttore della fotografia della Rai, aveva ricevuto, per oltre tre anni, da due società esterne, pagamenti in denaro e in buoni carburante per un valore complessivo stimato in € 40.000, in cambio della comunicazione di informazioni riservate relative alle scelte aziendali operate dalla Rai.

Tale condotta illecita posta in essere dal dipendente Rai aveva giovato alle società destinatarie dell’informativa in quanto gli aveva consentito di conoscere le informazioni tecniche necessarie ai fini della partecipazione alle gare per la fornitura di tecnologie, così da avvantaggiare, indebitamente, le società da cui riceveva le “buste” rispetto agli altri possibili concorrenti.

Perquisizioni, sequestri ed intercettazioni avevano infatti portato all’accertamento di un articolato ed organizzato traffico illecito di origine corruttiva da parte di tali due imprese operanti nel settore delle tecnologie e dei servizi televisivi e per lo spettacolo, per aggiudicarsi gli appalti gestiti dalla Rai, mediante il pagamento di tangenti a vari dirigenti e dipendenti dell’ente pubblico.

La sentenza della Corte di Cassazione penale n. 55395 del 12 dicembre 2017, ritenuta configurabile la sussistenza dell’illecito e delle pratiche corruttive a carico dell’operatore Rai, ha annullato l’ordinanza di sequestro impugnata limitatamente alla quantificazione del profitto e dunque della somma sequestrata. Sarà ora il Tribunale di Roma a dover effettuare una nuova e migliore valutazione dei corrispettivi complessivamente ricevuti dall’operatore Rai in cambio delle informazioni fornite.

Martina Scarabotta

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner