Shopping Cart

Crisi internazionali, richiedenti asilo e accoglienza: l’ultimo discorso di Obama all’Onu

Crisi internazionali, richiedenti asilo e accoglienza: l’ultimo discorso di Obama all’Onu

«Sono davanti a voi per l’ultima volta»: il Presidente degli Stati Uniti, Obama, inizia così il suo ultimo intervento davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, giunta alla sua settantunesima sessione.

Focus del discorso, il tema delle crisi internazionali, le vittime e i tantissimi profughi richiedenti asilo. Obama coglie l’occasione per annunciare un accordo, appena conclusosi, che avrà effetti anche per l’Europa.

Crisi internazionali, richiedenti asilo e accoglienza: l’accordo su rifugiati

 

Le nazioni hanno previsto anche un aumento pari a 3 miliardi di dollari dei finanziamenti umanitari per il 2017 e si impegnano nel mantenere i finanziamenti anche per gli anni successivi.

Aiutare chi ha bisogno – dichiara Obama – è sì un imperativo etico ma è anche determinante per la sicurezza nazionale. E poi, sempre dal presidente degli Usa, arriva l’invito a mettersi nei panni dei richiedenti asilo e pensare cosa accadrebbe se qualcuno dei presenti al summit si ritrovasse nella loro stessa tragica situazione.

È fondamentale respingere dunque qualsiasi forma di fondamentalismo, razzismo e superiorità etnica in nome della tolleranza. Il percorso da compiere resta quello democratico e del rispetto dei diritti umani.

Il discorso di Obama all’Onu: le falle della globalizzazione

Nel suo discorso, Obama lancia un monito per correggere la globalizzazione, evitando ogni forma di nazionalismo e populismo.

obama_onuIl mondo globale e il capitalismo hanno infatti condotto verso un mondo in cui solo l’1% dell’umanità detiene una ricchezza pari al 99%. La riduzione del gap tra ricchi e poveri è fondamentale per vivere in una società più equa e previene le crisi.

Il discorso di Obama tocca anche i teatri della crisi in atto nel mondo contemporaneo: la Siria è uno tra tanti, e solo la diplomazia può favorire soluzioni a lieto fine.

Non mancano nel discorso le critiche nei riguardi della Russia di Putin, che tenta di raggiungere la gloria con l’imposizione della forza, ma anche nei confronti di Donald Trump e della sua idea di costruire un muro con il Messico per impedire l’accesso di migranti.

Il discorso di Obama all’Onu: l’ambiente nell’agenda internazionale

Altro tema cruciale è quello che riguarda l’ambiente, fattore per cui Obama torna a far pressione sui leader globali per la ratifica dell’accordo di Parigi sul clima. Siglato a Parigi nel dicembre del 2015, l’accordo è stato sottoscritto al Palazzo di vetro la scorsa primavera da 175 Paesi ma serve la ratifica affinché possa entrare in vigore.

Eloisa Zerilli

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner