Shopping Cart

Dentista per il figlio di coniugi separati: spesa ordinaria o straordinaria?

Spese ordinarie e straordinarie: si tratta di un discrimen di fondamentale importanza nella vita delle coppie separate o divorziate con figli minori in quanto tale classificazione incide sulla misura dei costi da sostenere per il mantenimento dei figli minorenni o maggiorenni ma non economicamente autosufficienti. Ma quando una spesa può definirsi straordinaria, esulando dalla misura dell’assegno di mantenimento? Le spese mediche e per il dentista sono spese ordinarie o straordinarie?

La Corte di Cassazione, sezione sesta civile, con l’ordinanza n. 1070 del 17 gennaio 2018 ha cercato di fare maggior chiarezza sulla natura di alcune spese mediche sostenute per i figli di coppie separate.

In particolare, la Suprema Corte si è pronunciata sul quesito circa la natura di spesa ordinaria o straordinaria delle cure odontoiatriche per il figlio e ha stabilito che, in base alle circostanze concrete e alla natura della visita del dentista, non sempre è possibile ricondurre tali costi alla voce delle spese straordinarie.

In particolare, secondo la Corte, le spese mediche per ticket sanitari e cure odontoiatriche sarebbero qualificabili come spese straordinarie solo laddove, “per la loro rilevanza, imprevedibilità e imponderabilità, esulano dall’ordinario regime di vita dei figli, talchè la loro inclusione in via forfettaria nell’ammontare dell’assegno posto a carico di uno dei genitori, può rivelarsi in contrasto con il principio di proporzionalità sancito dall’art. 316 c.c. e con quello dell’adeguatezza del mantenimento, nonché recare grave nocumento alla prole, che potrebbe essere privata, non consentendolo le possibilità economiche del solo genitore beneficiario dell’assegno cumulativo, di cure necessarie o di altri indispensabili apporti“.

Al contrario, nel caso concreto, le spese mediche ed odontoiatriche sono state considerate come spese ordinarie in quanto si è trattato di visite dentistiche di routine e di controllo periodico, dunque escludendosi la natura di spese straordinarie, imprevedibili ed eccezionali. In base alla natura ordinaria, prevedibile e al modesto valore economico, le spese sostenute dal genitore affidatario per il dentista del figlio sarebbero spese ordinarie ricomprese nella misura dell’assegno di mantenimento dovuto dall’altro genitore.

Martina Scarabotta 

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner