Shopping Cart

Divieto di fumare in auto? Una mezza verità

Disinformazione sul web sul divieto di fumare in auto: nessuna multa per chi fuma alla guida e nessuna legge che lo vieti salvo qualche eccezione

Le bufale sul web, sono all’ordine del giorno e gli internauti si divertono a spararle sempre più grosse.

Da circa un anno su diversi siti web, circola la notizia dell’arrivo imminente di una norma che vieta il fumo in auto su proposta di una ventina di parlamentari di centro destra.

Divieto di fumare in auto: le sanzioni della presunta legge

Secondo la notizia che circola sul web, uscita lo scorso 14 maggio 2016 su Newsitalys, che riprende quasi per intero il testo pubblicato nel luglio del 2015 da Today  e da Mybelice, riferisce di un generico “divieto” assoluto di fumare in auto che entrerebbe in vigore “da domani”, pena il ritiro della patente e una multa da 4mila euro.

divieto di fumare in auto: una mezza verità

Ma c’è qualcosa di vero in tutta questa falsità? Ebbene sì: esiste realmente un disegno di legge, presentato in Parlamento in data 30 aprile 2015, con cui si vorrebbe modificare il codice della strada, introducendo il divieto di fumo al conducente durante la marcia, pena una multa da 81 a 326 euro (e non di 4mila euro).

Dopo l’assegnazione a una commissione parlamentare, che risale ormai a un anno fa (8 luglio 2015), a tutt’oggi l’iter legislativo è ancora bloccato, escludendo, quindi, che il divieto diventi operativo in breve tempo.

divieto di fumare in auto: da dove potrebbe nascere l’equivoco

Sul presupposto che si vuole sempre sperare nella buona fede di chi diffonde notizie bufala, vuoi per leggerezza, vuoi per piena fiducia nella fonte senza effettuare alcuna verifica, ci si chiede da dove possa arrivare l’equivoco.

Sicuramente, parte dell’equivoco, deriverebbe dalla recente entrata in vigore, del D.Lgs. 6/2016 che recepisce la direttiva dell’Unione Europea 2014/40/UE sul tabacco, pensato per dare una stretta sul giro delle sigarette e del fumo.

Il decreto legislativo n. 6 del 2016, diventato legge il 12 gennaio 2016, ha esteso il divieto di fumo al conducente e ai passeggeri a bordo di autoveicoli (in sosta o in movimento), in presenza di minori di anni 18 e di donne in stato di gravidanza. Non esiste, pertanto, un divieto assoluto.

Il divieto, riguarda solo gli autoveicoli di cui all’art. 54 del Codice della Strada, con esclusione, quindi, di ciclomotori e motoveicoli anche se dotati di carrozzeria chiusa.

In caso di violazione, si applica la sanzione da 27,50 a 275,00 euro, raddoppiata quando la violazione avvenga in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o davanti a bambini fino a 12 anni di età.

Fumatori, siete stati graziati; se vi pescheranno a fumare alla guida in presenza di minori o donne in stato interessante, non dovrete farvi un mutuo.

Ma ricordate, evitando di fumare si guadagna ancora di più.

Maria Teresa La Sala

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner