Shopping Cart

Frase choc giudice Trento, la Cassazione apre un procedimento disciplinare

 

La Procura generale della Corte di Cassazione ha aperto un procedimento disciplinare a carico del giudice trenino Carlo Ancona che, lo scorso mese, durante un’udienza, aveva duramente apostrofato un avvocato di Palermo, Stefano Giordano, con la frase: «Avvocato, lei taccia, perché qua siamo in un posto civile, non siamo a Palermo». Per questo motivo, la Corte di Cassazione ha convocato per il prossimo 20 novembre lo stesso legale palermitano, che sarà sentito dal sostituto procuratore generale Mario Pinelli «quale persona informata dei fatti nell’ambito del procedimento in oggetto indicato».

 

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner