Shopping Cart

Giudici pace, ogni forma di protesta contro riforma Orlando. “Noi i pummarò della giustizia italiana”

Roma, 11 lug. – Continua lo sciopero dei giudici di pace e, a partire dal 26 luglio, entrano in sciopero i magistrati onorari di tribunali e procure. “La riforma Orlando indegna di un Paese civile: saranno 4 anni di scioperi e proteste”, annunciano i giudici di pace che denunciano di sentirsi trattati come ‘pummarò della giustizia”.

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo di riforma della magistratura onoraria e di pace, ma le proteste non si fermano. “Accentueremo nei prossimi mesi ogni forma di protesta contro il ministro Andrea Orlando”, si legge in una nota dell’Unione nazionale dei giudici di pace, “scioperi ripetuti a intervalli, sospensioni dal servizio, manifestazioni di piazza, azioni giudiziarie interne ed internazionali. Impugneremo tutti i decreti ministeriali attuativi della riforma e solleveremo pregiudiziali dinanzi alla Corte di Giustizia Europea ed alla Corte Costituzionale”.

“A ottobre – continua la nota – in occasione della seduta ove si discuteranno le nostre petizioni al Parlamento Europeo, manifesteremo a Bruxelles denunciando la barbarie di questa riforma, indegna di un Paese civile e democratico. Sono state violate tutte le disposizioni della Costituzione e delle Convenzioni internazionali che garantiscono l’indipendenza del giudice e l’autonomia degli uffici, nonché i diritti inviolabili dei magistrati ad un trattamento economico e previdenziale dignitoso”.

“Il ministro Orlando – stigmatizza il sindacato dei giudici di pace – è stato così pervicace nella sua volontà di umiliare la magistratura onoraria e di pace, da non ascoltare nessuno dei suggerimenti perorati dalle Commissioni parlamentari, dal Csm, dai capi degli uffici, da tutti i più illustri costituzionalisti. Con la pubblicazione del decreto legislativo si battezzerà una nuova forma di apartheid, che riguarderà lavoratori pubblici che emettono sentenze in nome del popolo italiano: da una parte ci saranno i magistrati di carriera, ad impartire direttive, dall’altra i magistrati onorari, trattati come pummarò della giustizia, a lavorare come schiavi senza alcun diritto o tutela per smaltire oltre l’80% del contenzioso giudiziario civile e penale”.

(Red/AdnKronos)

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner