Shopping Cart

Ri-scatti. Il coraggio fotografato dai più poveri

Il coraggio raccontato da fotografi speciali

Coraggio. E’ stato questo il tema della IV edizione di “Ri-scatti“, concorso fotografico per i senza dimora e i più poveri di Palermo, organizzato da “La danza delle ombre Onlus”.

L’evento, che ha avuto luogo venerdì 30 settembre, è stato ospitato presso l’aula magna dell’Opera pia di Palermo, dove i “fotografi per un giorno” si sono raccontati attraverso le loro opere. A premiarli, il fotografo Livio Catalano, che ormai da quattro anni sposa con entusiasmo l’iniziativa. 

Secondo Marina Scardavi – Presidente dell’associazione di volontariato – “l’immagine è il famoso “carpe diem”. E’ l’attimo in cui ciascuno dei nostri amici rivive se stesso o trattiene un ricordo. Fotografare, in fondo, è un modo per comunicare qualcosa di sè“.

La fotografia vincitrice è di Concetta. "Il coraggio di essere Madre nonostante le difficoltà".
La fotografia vincitrice è di Concetta.
“Il coraggio di essere Madre nonostante le difficoltà”.

Immagini e parole

Ogni foto, accompagnata da una didascalia di cui i concorrenti sono autori, è diversa dall’altra. C’è il mare, “pericolo e speranza per i migranti che hanno il coraggio di abbandonare la loro terra per vivere“; la fermata dell’autobus, che racconta “il coraggio di affrontare la vita di ogni giorno“; c’è l’immagine del supereroe che cerchiamo in ognuno di noi, “capace di combattere il male anche con l’amore e la dolcezza“; c’è la scala, che “rappresenta la fatica della vita“; c’è il coraggio di essere se stessi, perché “il vero Io è quello che tu sei e non quello che hanno fatto di te“. E c’è, nelle due fotografie vincitrici, l’umanità. Perché è vero che ci vuole coraggio per incontrarsi e guardarsi negli occhi. 

Il secondo classificato è Riccardo. "Coraggio di affrontare la vita; di mantenere una famiglia non avendo un lavoro, domandando qualche spicciolo".
Il secondo classificato è Riccardo. “Coraggio di affrontare la vita; di mantenere una famiglia non avendo un lavoro, domandando qualche spicciolo”.

Il coraggio di sperare ancora

Diversi sguardi, diverse angolazioni, un unico obiettivo: potenziare le proprie capacità, tentando di ri-scattare la propria vita giorno per giorno. In un mondo che non cambia, la vera rivoluzione è quella interiore; quella di chi, pur non avendo nulla, pensa che ci sia ancora tanto da prendere dalla vita. Non aveva tutti i torti Mary Anne Radmacher: “il coraggio non sempre ruggisce. A volte il coraggio è la vocina alla fine del giorno che dice: proverò di nuovo domani“.

Claudia Chiapparrone

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner