Shopping Cart

Imprenditore edile nasconde lo stato di insolvenza: è truffa

L’imprenditore edile che assume un obbligo, sapendo di non poterlo adempiere, e predispone artifici e raggiri al fine di accreditare la solidità della propria impresa agli occhi dell’altro contraente, risponde di truffa e non del delitto meno grave di insolvenza fraudolenta.

Imprenditore edile nasconde lo stato di insolvenza: il caso

Due fratelli, soci di una S.r.l., venivano condannati per il reato di truffa in concorso, per aver indotto con l’inganno la persona offesa a stipulare un preliminare di vendita di un immobile, mostrando una falsa floridità dell’azienda gestita, della quale veniva dichiarato poco dopo il fallimento.
L’acquirente, indotto in errore, consegnava due assegni, quale anticipo sulla vendita, tuttavia, non riceveva l’immobile desiderato e non riusciva più a reperire i due venditori.
Condannati anche in secondo grado, i due soci, ricorrevano in Cassazione adducendo che il loro comportamento non poteva essere riconducibile alla fattispecie descritta nel reato di truffa, in quanto gli imputati non si erano effettivamente resi  conto dello stato di dissesto economico in cui versava la società, e avevano agito, tutt’al più, colposamente e imprudentemente.

Imprenditore edile nasconde lo stato di insolvenza: la decisione della Corte di Cassazione

Con la sentenza n. 29503 del 23 maggio 2017, i giudici di legittimità hanno dichiarato inammissibile, per manifesta infondatezza, il ricorso introdotto dai due fratelli e hanno confermato quanto statuito dai giudici di merito.
Specificamente, la Corte ha individuato nella condotta dell’imprenditore che, oltre a tacere il proprio conclamato stato di insolvenza, induce un soggetto ad acquistare un immobile in costruzione, promettendo di stipulare la fideiussione prevista dalla legge, mostrandogli immobili quasi completi in altri cantieri aperti, gli estremi degli artifizi e raggiri del reato di truffa, perché ingenera nei terzi un’inesistente stato di robustezza e stabilità dell’impresa.

Maria Rita Toscano

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner