Shopping Cart

Inquilina esercita meretricio, non vi è responsabilità per la proprietaria di casa

Se l’inquilina fa la “squillo”, non si configura il reato di favoreggiamento della prostituzione a carico della proprietaria di casa. (Cass. 44374/2016).

 Inquilina esercita meretricio, il caso

La vicenda posta al vaglio della Suprema Corte aveva ad oggetto la situazione di una donna che offriva gratuitamente ospitalità ad una sua connazionale, in cambio della vigilanza  sull’abitazione .

A seguito di segnalazioni, veniva accertato che l’inquilina nella casa svolgeva attività di meretricio e la proprietaria, in concorso con un’altra donna, veniva “accusata” di aver compiuto atti di lenocinio nei confronti dell’ospite e di altre prostitute, consistiti nel richiedere ed ottenere, previo pagamento dell’inserzione, la pubblicazione di due annunci pubblicitari su un quotidiano locale che sponsorizzavano intrattenimenti di tipo erotico.

Inquilina esercita meretricio, la disciplina legislativa

La legge n. 75 del 20 febbraio 1958, cosiddetta Legge Merlinè stata introdotta in Italia con lo scopo di vietare l’esercizio delle case di prostituzione e prevede una serie di sanzioni a carico di chi favorisce tale attività.

L’art. 3, comma 1, punisce con la reclusione da due a sei anni e la multa da 258 euro a 10.329 euro “chiunque avendo la proprietà o l’amministrazione di un casa o altro locale, li conceda in locazione a scopo di esercizio di prostituzione (n.2) nonchè chiunque in qualsiasi modo favorisca o sfrutti la prostituzione altrui” (n.8)

Ebbene, con il divieto di concedere in locazione “a scopo di esercizio di una casa di prostituzione” si vuole scongiurare la riapertura delle cd. case chiuse, ovvero di quei luoghi in cui vi sia il contestuale esercizio del meretricio da parte di più personel’ipotesi di cui al n.8, invece, punisce indiscriminatamente tutte le varie ipotesi dello sfruttamento e del favoreggiamento della prostituzione stessa.

La pena è raddoppiata ove il reato venga commesso in danno di più persone (art.7, comma 4).

Inquilina esercita meretricio, la pronuncia della Cassazione

La Suprema Corte ha annullato la sentenza emessa in secondo grado e ha rinviato ad altra sezione della Corte di Appello, per un nuovo esame degli argomenti posti a fondamento della pronuncia.

In particolar modo, la Cassazione, aderendo a quanto esposto dalla difesa, “rimprovera” la Corte di Appello  di Milano per aver basato il proprio convincimento su meccanismi inferenziali fondati su massime di esperienza fallaci, prive di fondamento logico.

In primo luogo, la Cassazione sottolinea che occorre dimostrare la consapevolezza da parte delle imputate della attività di meretricio svolta dalla inquilina, non potendo tale consapevolezza essere desunta dalla circostanza per cui, essendo l’inquilina priva di lavoro e di propri mezzi di sostentamento, non avrebbe potuto far altro che prostituirsi.

In secondo luogo, poichè si configuri un aumento di pena (nella specie, il doppio della pena da espiare) a carico delle imputate, occorre dimostrare la consapevolezza della presenza di altre donne che svolgevano, anch’esse nell’abitazione, attività sessuali a pagamento.

In conclusione, La semplice messa a disposizione di un locale a chi si prostituisce non integra da sé gli estremi del favoreggiamento, essendo necessario che chi offre ospitalità abbia la consapevolezza che nell’immobile l’inquilino eserciterà il meretricio.

Teresa Cosentino

 

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner