Shopping Cart

Mafia: ministero giustizia, nuovo processo rapido 904 secondo decisioni cedu

 

Roma, 4 set. – Il ministero della Giustizia precisa che ”la necessità di rinnovare il dibattimento in caso di appello del pm  contro una sentenza fondata su prove testimoniali discende da una consolidata giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, ampiamente recepita dalla Corte di Cassazione già prima della modifica legislativa dello scorso luglio, che ha semplicemente adeguato la formulazione della norma. Non vi è stato perciò alcun imprevedibile rallentamento del processo a seguito dell’entrata in vigore della recente riforma”.

Così in una nota il ministero in riferimento alla decisione della Corte d’appello di Firenze che questa mattina, nell’ambito del processo per la strage del Rapido 904 che vede il capo di Cosa Nostra Totò Riina come unico imputato, ne ha stabilito il rinvio.

Il processo d’appello è stato rinviato a data da destinarsi per consentire il completo svolgimento della nuova istruttoria. L’attuale collegio giudicante non avrebbe, infatti, potuto portare avanti l’istruttoria dato l’imminente pensionamento del presidente della Corte Salvatore Giardina a fine ottobre.

(Stg/AdnKronos)

 

 

Ultimi articoli

IL SALARIO MINIMO GARANTITO: TRA SPERANZE, UTOPIE E REALTÀ
AI Act. Rischi e prospettive sui diritti fondamentali.
Digitalizzazione e Rapporto di Lavoro: “Intelligenza artificiale: pregiudizi e opportunità”.
Le Delocalizzazioni nella Prospettiva Eurounitaria

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner