Shopping Cart

Migranti: Orlando, 14 sezioni speciali per le richieste d’asilo e decreto ricorribilie in Cassazione

 

Roma, 10 feb. – “Non possiamo permetterci che i tempi dei processi ci sfuggano di mano, generando un tilt”. Lo ha spiegato Andrea Orlando, al termine del Cdm, illustrando i decreti approvati dal governo sui migranti.

“I tempi per le richieste di asilo sono passati da 167 a 268 giorni, una crescita molto forte perché aumentano i numeri e la complessità della ricostruzione del fenomeno. In questo tempo prolungato c’è una specie di limbo, e non è giusto -ha spiegato il ministro della Giustizia-. Inoltre tutto questo rischia di mettere in discussione l’andamento positivo sulla riduzione dei tempi dei processi, passati da oltre 500 ai 367 di quest’anno”.

Orlando ha sottolineato che con il Dl “in 14 tribunali ordinari istituiamo delle sezioni specializzate, dei giudici dedicati a questa attività che in modo esclusivo hanno il compito di applicare la legge”. Poi, oltre al “decreto ricorribile solo in Cassazione”, il provvedimento prevede tra l’altro “l’applicazione di nuovi magistrati nei tribunali interessati”, una “formazione specifica dei magistrati”, “l’obbligo di video registrazione del colloquio in Commissione”, “scambi informativi tra uffici giudiziari”. Orlando ha sottolineato: “Si introduce un procedimento molto più snello, che non indebolisce la garanzie. In pratica, ‘giurisdizionalizziamo’ il passaggio davanti alla commissione”.

(Gmg/AdnKronos)

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner