Shopping Cart
Schiaffo all’alunno? Si configura il reato di abuso dei mezzi di correzione

Mano pesante della maestra e…della Corte di Cassazione

Mano pesante della maestra e…della Corte di Cassazione Insegnanti che provate a riprendere gli alunni con qualche scappellotto: occhio a ciò che fate, perché si configurerebbe a vostro carico il reato di abuso dei mezzi di correzione. Scappellotto all’alunno? Scatta la condanna per abuso dei mezzi di correzione nei confronti dell’insegnante. È quanto stabilito dalla […]

Novantenne minaccia di fare a pugni:

Novantenne minaccia di fare a pugni: nessun reato, non è pericoloso

Novantenne minaccia di fare a pugni: nessun reato, non è pericoloso. Come nel più classico dei casi durante l’assemblea di condominio la discussione si accende e volano insulti e minacce. E la foga generale non risparmia neanche l’anziano condomino che nonostante le quasi novanta primavere alle spalle ha trovato l’ardire di minacciare il vicino di […]

Responsabilità medica, svolta sulla regola cautelare violata

Responsabilità medica, svolta sulla regola cautelare violata La Cassazione bacchetta i giudici di merito ricordando che non basta evocare l’imprudenza, la negligenza e l’imperizia per risolvere il problema dell’accertamento della responsabilità colposa: l’addebito per colpa presuppone l’individuazione puntuale delle regole cautelari violate che avrebbero dovuto essere osservate in relazione alle specifiche circostanze in cui si […]

Chiedi con insistenza denaro ai genitori? E’ stalking

  Chiedi con insistenza denaro ai genitori: è stalking Se chiedi con insistenza denaro ai genitori commetti reato (Cass. 29705/2016) Molesti ripetutamente i tuoi genitori per ottenere denaro e ospitalità? Ti trasferisci nel sottoscala della loro casa con la speranza che cambino idea? Commetti reato. Integra infatti un’ipotesi di stalking ex art. 612 bis c.p. la condotta di chi […]

Furto dell’autovettura: quando il reato è consumato?

Furto. Anche se il ladro si fa beccare, il reato si configura (Cass. 24707/2016) Anche se il ladro viene immediatamente acciuffato, il furto è da ritenersi consumato se questi aveva comunque conseguito la piena disponibilità della refurtiva. La Suprema Corte ha stabilito infatti che la condotta del ladro che si appropria della vettura aperta e con le chiavi inserite compie il delitto […]

Delitto tentato: quando gli atti sono idonei?

Delitto tentato: quando gli atti sono idonei? Quando gli atti sono “idonei” a configurare un delitto tentato? Scopriamo la più recente interpretazione offerta sull’argomento dai giudici di legittimità. La Suprema Corte di Cassazione con la recente pronuncia n. 19701 del 12 maggio 2016 ha annullato con rinvio una sentenza del giudice di seconde cure, rifacendosi ad un […]

Sottrarre il cellulare della fidanzata per leggere i messaggi è reato

Sottrarre il cellulare della fidanzata per leggere i messaggi è reato Il fidanzato geloso che si impossessa del cellulare della compagna per leggere i suoi messaggi privati commette il reato di rapina. Lo ha stabilito la  Corte di Cassazione con la sentenza n. 24297 del 10 giugno 2016, con la quale ha confermato la pronuncia […]

Sicurezza sul lavoro: il datore non risponde per le imprudenze del dipendente

Sicurezza sul lavoro: il datore di lavoro non risponde per le imprudenze del dipendente Nessuna responsabilità per il datore di lavoro per la morte del dipendente se l’azienda era stata dotata di tutti gli accorgimenti in materia di sicurezza sul lavoro e l’incidente si è verificato a causa di un comportamento dell’operaio così imprudente da essere del […]

Coltivare marijuana per uso personale esclusivo: è reato

Coltivare marijuana per uso personale esclusivo: è reato La coltivazione della cannabis è reato, anche se per uso esclusivamente personale. Questo è quanto stabilito dalla Corte Costituzionale con la sentenza 109 del 2016, chiamata a pronunziarsi sulla legittimità costituzionale dell’art. 75 del d.P.R. 9 ottobre 1990, n.309. La questione, sollevata dalla Corte di Appello di […]

Cooperazione giudiziaria in materia penale: la Corte Ue bacchetta l’Ungheria.

Cooperazione giudiziaria in materia penale: la Corte Ue bacchetta l’Ungheria. Il principio del reciproco riconoscimento delle sentenze e delle altre decisioni di autorità giudiziarie straniere, che si innesta nel più ampio progetto di armonizzazione del diritto nazionale dei singoli Stati membri al diritto sovranazionale dell’Unione Europea, ha orientato le decisioni della Corte di Giustizia UE, […]

Uso illimitato del cellulare aziendale, non sussiste il peculato d’uso

La sesta sezione della Cassazione ribadisce gli elementi costitutivi del peculato d’uso e quando esso si configura. I giudici di legittimità, richiamando la sentenza delle Sezioni unite n. 19054/2013, si pronunciano nuovamente sulla configurabilità del peculato d’uso. Premessa la qualifica dell’imputato di incaricato di pubblico servizio, la Suprema corte ha accolto il ricorso annullando senza […]

Gli insulti al tempo di Facebook: un post offensivo sulla bacheca è diffamazione?

Nel volgere di poco tempo, i social network hanno raggiunto una diffusione così capillare da essere diventati uno dei principali mezzi di comunicazione. E c’è poco da stupirsi, dunque, se parecchi processi di diffamazione abbiano ad oggetto la pubblicazione di post  offensivi su Facebook.  Infatti,  visto che un commento sulla bacheca di un social network […]

Diffamazione tramite internet: reo individuato tramite l’indirizzo IP

Con la sentenza 29 febbraio 2016 , n. 8275 la Corte di legittimità ha affermato che, ai fini dell’individuazione dell’autore del reato di diffamazione commesso tramite internet – in particolare, attraverso uno scritto su un blog – è idoneo l’indirizzo IP collegato all’utenza telefonica dell’imputato. I giudici hanno, altresì, rilevato che non vale ad escludere […]

Sonno profondo? Condannato per evasione dalla Cassazione!

Può il sonno profondo dovuto all’assunzione di farmaci determinare una condanna per evasione? Pare di sì, parola della Cassazione. Con la sentenza n. 1071 dell’8 gennaio 2016 (dep. 13 gennaio), infatti, la VI Sezione penale ha confermato il verdetto emesso dai giudici di merito (annullando la sentenza solo limitatamente alla determinazione della pena) che hanno […]

L’esimente della cronaca giudiziaria

L’esimente della cronaca giudiziaria opera solo nei casi in cui la notizia pubblicata rispecchi fedelmente il contenuto del provvedimento giudiziario e, qualora la vicenda raccontata riguardi la fase delle indagini preliminari, in cui ordinariamente manca un provvedimento formale, il cronista ha il dovere di riprodurre fedelmente il contenuto dell’addebito. Nel ribadire queste direttive, la corte […]