Shopping Cart

Sicurezza sul lavoro, risponde l’appaltante se ingerisce nei lavori

Sicurezza sul lavoro, risponde l’appaltante se ingerisce nei lavori

In tema di sicurezza sul lavoro, nella specie prevenzione degli infortuni, risponde anche l’appaltante se continua a ingerirsi nei lavori. 

L’appaltatore che procede a subappaltare l’esecuzione delle opere, infatti, non perde automaticamente la qualifica di datore di lavoro

Questo neppure se il subappalto riguarda formalmente la totalità dei lavori. 

Sicurezza sul lavoro e rispetto della normativa antinfortunistica 

Sicurezza sul lavoro, risponde l’appaltante se ingerisce
Sicurezza sul lavoro, risponde l’appaltante se ingerisce

L’appaltatore, di fatto, continua ad essere responsabile del rispetto della normativa antinfortunistica, se esercita una continua ingerenza nella prosecuzione dei lavori. 

In altre parole, in materia di responsabilità occorre verificare se nell’ambito del contratto di appalto l’appaltatore esercita o meno una ingerenza sulla esecuzione dei lavori appaltati ad altri. 

Tale principio, espresso dalla Cassazione, Sezione III penale, con la sentenza n. 37229/2016, annulla così una pronuncia di condanna da parte del Tribunale di Como. 

Nello specifico, i giudici di merito avevano condannato due soggetti, nelle rispettive qualità di coordinatore per la sicurezza dei lavori in progettazione e di amministratore unico, colpevoli dei reati previsti dal Dlgs 81/08. 

Ciò a seguito di una visita ispettiva condotta da personale della Direzione Provinciale del lavoro in un cantiere edile. 

Nello stesso era in corso la realizzazione di un edificio per civile abitazione e dove operavano numerose ditte specializzate. 

Sicurezza sul lavoro: casi di esclusione di ingerenza nei lavori 

Nel caso sottoposto alla Suprema Corte, tuttavia, è stato escluso che l’ingerenza deriva dalla mera presenza nel cantiere dell’appaltatore in occasione degli accessi ispettivi. 

Al contempo, tale ingerenza non si può desumere dalla presenza di un socio dell’impresa presunta appaltante, preposto al cantiere. 

Ragion per cui il Tribunale di Como avrebbe dovuto accertare concretamente e con la dovuta precisione le reali responsabilità degli imputati alla luce dei contratti di appalto. 

Antonello Mango 

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner