Shopping Cart

Telefonate pubblicitarie registrate, è violazione di privacy

 Telefonate pubblicitarie registrate, si ha violazione di privacy

Le chiamate pubblicitarie, in assenza di preventivo consenso dell’utente, sono illecite (Cass. 10714/2016).

A chi non è mai capitato di affannarsi per rispondere a una chiamata, magari ad orari improbabili, per ritrovarsi ad ascoltare la voce metallica di un messaggio promozionale pre-registrato?

Telefonate pubblicitarie registrate, il caso.

La Cassazione ha di recente rigettato il ricorso di una società, condannata in primo grado per illegittimo trattamento di dati personali ai danni di un utente, perpetuato attraverso una serie di telefonate pre-registrate a scopo promozionale.

L’assenza di un interlocutore, sostituito da una voce registrata, e la conseguente impossibilità del ricevente di poter interagire con il mittente della telefonata impongono che la telefonata in oggetto debba ricevere preventivamente e necessariamente il consenso del destinatario.

Telefonate pubblicitarie registrate, serve il consenso dell’interessato.

“Il codice della privacy, agli artt. 129 e 130, consente un simile trattamento solo con il consenso dell’interessato specificamente riferito a quella comunicazione.

Tale normativa che nel nostro ordinamento ha istituito il regime di opt-out non si applica laddove le telefonate siano effettuate con finalità di marketing e attraverso sistemi automatizzati.

In caso di chiamate automatizzate, dunque, la possibilità di veicolare messaggi pubblicitari presuppone il consenso specifico dell’interessato.

La società che porrà in essere tali modalità pubblicitarie in assenza dello specifico e preventivo consenso dell’utente potrà subire una sanzione da parte del Garante per la Privacy per l’illecito trattamento dei dati personali del privato cittadino.

Domenica Maria Formica

Ultimi articoli

Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE
ADR, arriva Conciliaweb. Nuovo strumento per le risoluzione delle controversi tra utenti e compagnie telefoniche

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner