Shopping Cart

Tirocinio escluso se esiste un pregresso rapporto col lavoratore

Il termine “tirocinio” (dal latino tirònes o dal greco tèrèo), indica un’esperienza presso un ente, pubblico o privato, di durata molto variabile, allo scopo principale di apprendimento e formazione, generalmente finalizzata nell’ingresso del mercato del lavoro.

Il tirocinio: cosa dovrebbe essere …download-1

Più precisamente, il tirocinio formativo, disciplinato a livello regionale,
consiste in un periodo di formazione utile all’acquisizione di nuove competenze da utilizzare per inserirsi o reinserirsi nel mercato del lavoro e non è assimilabile in alcun modo ad un rapporto di lavoro subordinato.

Questo sulla carta, perché, come sappiamo, nel 90% dei casi, è esattamente il contrario.

… e cosa, di fatto, è.

Ovvero? Il tirocinio, nato e pensato per “realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro” e per “agevolare le scelte professionali” dei giovani è diventato, nella realtà, la copertura per l’instaurazione di un rapporto di lavoro vero e proprio ma senza diritti, né una giusta retribuzione.

La prova dell’abuso? A dimostrarlo sono i dati relativi al numero di persone che vengodownloadno stabilizzate una volta conclusa l’esperienza, un numero esiguo se lo si rapporta alla quantità di tirocini attivati nel paese.

A ciò si aggiunga che, spesso, un tirocinio è la porta d’ingresso per un ulteriore tirocinio o per un periodo più o meno lungo di disoccupazione (basti pensare che nel caso dei tirocini attivati tramite ‘Garanzia giovani’ solo il 36% venne convertito in un contratto di lavoro una volta concluso).

E tutto questo a beneficio delle imprese che, dal canto loro, hanno tutto il vantaggio ad utilizzare questo strumento poiché significa un risparmio cospicuo sia sul costo del lavoro, ulteriormente ridotto dai bonus del piano europeo, sia sugli obblighi contrattuali che nel tirocinio sono assenti.

Ma la Cassazione, con la sentenza n. 18192/2016, depositata lo scorso 16 settembre, sotto allegata, lo sa bene che, in presenza di determinati indici di subordinazione, il tirocinio è escluso: e ciò, a maggior ragione se si riscontra una “pregressa professionalità emergente dagli specifici compiti svolti e dal ruolo assunto nell’azienda e, in termini più radicali, dall’esistenza di un rapporto tra le parti in epoca antecedente alla stipula del contratto di tirocinio“.

Vera e propria subordinazione, quindi, per chi dimostri di avere già intrapreso un vero percorso lavorativo, e non anche di formazione, all’interno di una azienda e che dimostri, altresì, di essere in possesso di una professionalità pregressa.

sentenza-18192-del-2016

Fabiola Fregola

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner