Shopping Cart

Vietato introdurre cibo (e mamme) al museo: piccoli esercizi di formalismo interpretativo

Come reagiremmo se fossimo scambiati per un genere alimentare o per una bevanda?

Assurdo, penseremmo! Eppure è successo e non si tratta di una storia di cannibalismo, ma di un episodio grottesco avvenuto nella nostra evoluta Penisola, a Bologna, dove una mamma è stata allontanata dalle sale di un prestigioso edificio storico perché stava allattando il proprio pargoletto affamato. Le è stato fatto notare che non poteva sfamare il bimbo perché la sua condotta contrastava con il “divieto di introdurre cibi e bevande nei locali della mostra”.

D’accordo, sappiamo tutti quanto è delicato e complesso interpretare le regole.

Anche quando un comando o un divieto ci sembrano apparentemente chiari e obiettivi, covano in sé delle zone di penombra che rendono oscuro il significato in relazione a determinati fatti.

Pensiamo ad alcuni casi di scuola, tra cui ad esempio, la prescrizione “è vietato l’ingresso dei veicoli nel parco!”: vale anche per le biciclette, i pattini a rotelle, le automobili giocattolo?

O ancora “è vietato l’ingresso agli animali nel ristorante!”: vale anche per il “cane-guida” che accompagna il non vedente cui è stato affidato?

Tutto ciò perché, come ha brillantemente affermato Hart, celebre filosofo del diritto: “le situazioni di fatto non ci attendono ordinatamente etichettate, ripiegate e impacchettate … qualcuno deve assumersi la responsabilità di decidere se le parole includono, o non includono, un caso”.

Allo stesso modo però appare veramente arduo immaginare di vedere al posto di una mamma che allatta un biberon dalla fattezze umane che si auto-introduce in zone che gli sono precluse all’accesso.

Non solo, ma, ironia della sorte, proprio ai danni di una persona che di lì a poco avrebbe dovuto tenere, in quei luoghi, un intervento sulle discriminazioni di genere, legittimamente colpita anche (e soprattutto) sotto questo profilo.

Si è parlato a proposito di una forma di “paradosso del burocratismo ottuso” (tratto da “La Repubblica, Bologna”) e vorrei ben vedere!

Interpretare e applicare le regole non è solo una questione di superficiale deduzione logica.

Insomma, se – poniamo il caso – mia nonna ha in comune con una forchetta il fatto di avere tre denti, non significa che mia nonna sia una posata (o l’inverso)!

O forse dovremmo iniziare a procuraci dei certificati che attestino il nostro status di esseri umani per sentirci al sicuro da certe, non tanto innocue, pretese, figlie di un rigido formalismo?

Dario Pagano

Ultimi articoli

Agi Sicilia “Una panoramica sulle novità del diritto del lavoro”
Agi Sicilia – Il capitalismo geograficamente mobile
Divorzio congiunto: e se un coniuge revoca il consenso?
Testimoni di Geova e privacy all’attenzione della Corte di giustizia UE

Formazione Professionale per Avvocati
P.Iva: 07003550824

Privacy Policy | Cookie Policy

Partner