Penale Archives - Pagina 2 di 30 - Master Lex
Shopping Cart

Non pagare l’avvocato è reato: lo dice la Cassazione

Cosa succede se il cliente non paga la parcella dell’avvocato? Quali sono gli strumenti a disposizione dell’avvocato per far fronte al mancato pagamento del cliente? Il nostro ordinamento civile prevede vari strumenti, tra cui il decreto ingiuntivo o il procedimento sommario ma esistono anche delle conseguenze penali per l’omesso pagamento della parcella dell’avvocato? In un […]

Ordine di demolizione dell’abuso edilizio: nessuna prescrizione

La Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi in materia di ordine di demolizione a fronte degli abusi edilizi, statuendo un principio volto ad impedire la prescrizione della sanzione che, a differenza del reato, sarebbe dunque imprescrittibile. Ordine di demolizione: la natura della sanzione Non è soggetto a prescrizione l’ordine di demolizione disposto in caso […]

Inviare numerosi e offensivi messaggi telefonici all’ex coniuge è molestia

L’invio di continui messaggi telefonici che contengono delle espressioni offensive e minacciose nei confronti dell’ex moglie è reato, nello specifico molestia come previsto dall’art. 660 del codice penale. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza numero 17442 del 2018. L’ex coniuge, sottoposta ai continui messaggi telefonici, era turbata e questo comportamento aveva […]

Cani abbaiano di notte sul terrazzo: niente condanna se si lamenta solo qualche vicino

Secondo la sentenza n. 16677 del 2018 della Corte di Cassazione, non è condannabile il proprietario di tre cani che hanno abbaiato per buona parte della notte sul terrazzo. Per quale motivo? Perché il rumore ha disturbato solo due vicini e non un numero più ampio di persone. Scopriamo insieme il caso e le motivazioni dell’annullamento […]

Reato per chi non paga l’assegno di mantenimento: in vigore il nuovo art. 570 bis c.p.

Il 6 aprile 2018 è entrato in vigore il nuovo art. 570-bis del codice penale in materia di inadempimento dell’obbligo di pagare l’assegno di mantenimento. La norma potrà spaventare molti padri divorziati tenuti, per provvedimento del giudice, a corrispondere l’assegno mensile di mantenimento per i figli, prevedendo gravi conseguenze sul piano penale in caso di […]

Quiete pubblica: non sussiste reato per i cani che abbaiano tutta la notte

Quiete pubblica: non sussiste reato per i cani che abbaiano tutta la notte Se è vero che can che abbaia non morde, è altrettanto realistico pensare al suo latrato indisturbato e frequente nel corso della notte come sovente determinante nello generarsi di cattivi rapporti tra vicini di casa. Ma davvero gli abbai possono essere causa […]

dirittodicronaca

Cronaca giornalistica e esimente putativa

Cronaca giornalistica: quando si parla di esimente putativa Ci si chiede ancora una volta dove termina il diritto di cronaca e comincia la diffamazione. E quando si può parlare realmente di diffamazione?  Esprimere la verità su mezzo stampa, nel rispetto della libertà di espressione, non può chiamarsi oltraggio. A maggior ragione se esistono tutti i […]

Telefonate mute al vicino di casa irrispettoso? È molestia

Ognuno ha avuto un vicino di casa che con rumori molesti ha disturbato la quiete. Rumori di tacchi nel bel mezzo della notte, sedie spostate maldestramente, tv a volume eccessivo o party notturni inaspettati sono alcuni degli esempi che possono infastidire le persone che vivono in un condominio e non solo. Come reagire a questo […]

Inviare lettere anonime è reato? Per la Cassazione non è molestia

Le lettere anonime sono uno degli strumenti utilizzati da alcuni individui per dichiarare qualcosa o per intimorire un soggetto. È reato di molestia inviarle? La Suprema corte con la sentenza n. 15523 del 2018 ha stabilito che l’invio di lettere anonime non è reato di molestia o disturbo alle persone in quanto non avviene “in […]

Pay per view contraffatte, può applicarsi de plano la tenuità del fatto

In tema di opposizione alla richiesta di archiviazione per particolare tenuità del fatto, ove la persona offesa indichi le ragioni del dissenso, il giudice non può decidere “deplano” ma deve necessariamente fissare l’udienza in camera di consiglio, ai sensi dell’art. 409, comma secondo, cod. proc. pen., essendo ciò funzionale alla instaurazione del contraddittorio tra le […]

Massoterapista, non fisioterapista: altrimenti è esercizio abusivo della professione

Ogni professione ha i propri requisiti per poter essere esercitata: il titolo di massofisioterapista non giustifica, né consente, l’esercizio della professione di fisioterapista. Massoterapista o fisioterapista? Il caso Un centro atletico di Trapani veniva sottoposto a sequestro preventivo, comprensivo non soltanto dei locali della struttura (con una sala di kinesi terapia, una sala di kinesi […]

Fare il saluto fascista non sempre è reato

Con la sentenza 8108/2018 la Corte di Cassazione fornisce alcune precisazioni sul reato di “manifestazioni usuali al disciolto partito fascista”. In particolare, la Suprema Corte in tale occasione si sofferma sul “saluto romano”.   E’ sicuramente destinata a fare scalpore la recente pronuncia della Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione n° 8108/2018, con la quale […]

RISERVA DI CODICE IN MATERIA PENALE: DAL 6 APRILE IN VIGORE IL DECRETO ATTUATIVO

  Il 22 marzo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo 1 marzo 2018, n. 21, recante “Disposizioni di attuazione del principio di delega della riserva di codice nella materia penale a norma dell’articolo 1, comma 85, lettera q), della legge 23 giugno 2017, n. 103”. La delega al Governo con la legge […]

Le punizioni corporali delle scuole coraniche, le lezioni di non integrazione e lo sbarramento invalicabile dei diritti inviolabili

Il 20 febbraio, in tutto il mondo, si è celebrata la giornata mondiale della Giustizia Sociale, istituita dall’Organizzazione delle Nazioni Unite al fine di attirare l’attenzione della comunità internazionale circa la riduzione delle disuguaglianze e la promozione delle condizioni di benessere sociale per tutti. In tale prospettiva, l’Italia, con il tramite dell’Istituto Luce Cinecittà, ha […]

Un Caffè” per evitare la multa: il brigadiere risponde per induzione indebita

Pubblici ufficiali che in cambio di «un caffè» del valore di 50 euro promettono a chi ha violato il codice della strada che non sarà elevata la multa con la sospensione della patente, commettono il reato di induzione indebita a dare o promettere utilità. E ciò vale anche se i fatti sono avvenuti prima della […]

0

Il tuo carrello è vuoto